Home Moda Milano Fashion Week: I Magnifici 5

Milano Fashion Week: I Magnifici 5

Scritto da Noemi Clarizio

Anche la fashion week  di Milano è appena giunta al termine e come ogni anno lascia al mondo della moda tutto molto su cui riflettere, di cui parlare e di cui interrogarsi. Tra qualche totale flop e alcune idee decisamente già viste e straviste, c’è anche chi riesce con abile maestria a presentare stilisticamente e concettualmente sotto forma di abiti e accessori qualcosa di valido, contemporaneo, soddisfacente.

Ecco dunque di seguito la lista delle migliori collezioni della MFW, in poche parole i magnifici 5 secondo G.on Fashion.

 

GUCCI

“I’m trying to follow my rules, not fashion rules” annuncia a tutti i giornalisti Alessandro Michele nel backstage della sua ultima sfilata andata in scena lo scorso 22 febbraio; e questo ci era piuttosto chiaro anche senza che lui lo specificasse.  Un’ iperbole di bellezza distopica e surreale, dove entrambi i sessi sono implicati, confusi, scambiati. Ogni outfit è un’opera a sé stante, comunicatrice di tutta quella che è la visione estetica del loro creatore. Una complessità stilistica difficile da decifrare, ma sicuramente facile da ammirare.

 

PRADA

Un glorioso ritorno, è questo quello di cui parlano le più celebri testate di moda dopo aver assistito all’ ultimo fashion show di “nostra signora dalle gonne a pieghe” meglio conosciuta a tutti come Miuccia Prada. Ritorno non solo inteso come rinascita creativa ma soprattutto come un ritorno agli albori, all’ estetica degli inizi, quegli anni sessanta e settanta tanto cari alla stilista milanese, quando si combatteva per i propri ideali. Consapevole e interprete di una femminilità mai canonica, semmai caotica e inusuale, è questa la donna che Miuccia Prada intende vestire, con la sua maglieria stravagante, i rigidi cappotti e le orride fantasie patchwork, meritandosi uno degli applausi più intensi e fragorosi dell’intera fashion week.

 

JIL SANDER

Squisito minimalismo, magistrale color-block, beauty look sobri e tagli di alta sartoria sono le parole d’ordine per la nuova collezione firmata Jil Sander. Tra gonne con l’elastico in vita, tessuti in contrapposizione come flanella e satin, la proposta più riuscita è senza dubbio quella degli elegantissimi cappotti, i quali sapientemente congiungono un’idea di femminilità tanto tradizionalista quanto all’ avanguardia.

 

MARCO DE VINCENZO

Eccentricità studiata e mai fuori posto, questo e molto altro è Marco De Vincenzo, che con le sue faux fur e i suoi intramontabili soprabiti in PVC, si conferma uno dei designer più talentuosi e promettenti del nostro bel paese. Tutto nella sua collezione A/I parla di colore, azzardo, sovraesposizione, di ricerca; un vero tuffo negli anni ’60, tra occhiali non proprio sobri, tessuti sperimentali, gonne a vita alta e cappotti extralarge e destrutturati.

 

VERSACE

Se c’è una cosa che Donatella Versace è sempre stata estremamente capace di fare è quella di conferire, in maniera forte e sensuale, potere al corpo femminile, e questa collezione ne è stata l’ennesima, se non più riuscita prova. Durante quella che si vocifera essere la sua ultima catwalk a capo della maison, Donatella Versace per il prossimo A/I veste la power woman del futuro, o 2.0 se proprio vogliamo osare. L’emancipazione che passa dallo sportswear, dai colori freddi degli abiti da cocktail, dai lembi di pelle volutamente scoperti. L’emancipazione che passa dalla consapevolezza di volersi mostrare.

 

 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: