Home Moda SEASON 0: tre registi emergenti raccontano la collezione F/W2017 di KENZO

SEASON 0: tre registi emergenti raccontano la collezione F/W2017 di KENZO

Scritto da Livia Piredda

Nick Knight, famoso fotografo di moda,  e il suo SHOWstudio, sin dagli anni 2000 hanno reso i fashion film uno dei maggiori veicoli di comunicazione per le aziende di moda che vogliono promuovere  le proprie collezioni. Lo sa bene KENZO che per  la presentazione della collezione F/W 2017 ha affidato a tre registi emergenti la realizzazione di tre short movie. SEASON 0 è un progetto attraverso il quale i capi KENZO acquistano diversi significati in base al contesto in cui vengono indossati. Curiosi? Scopriteli di seguito.

OLYMPE BY MATI DIOP

Siamo a Les Olympiades quartiere periferico di Parigi. Il sole sta tramontando e un gruppo di ragazzi si incontra sulle scalinate per ridere, scherzare e passare il tempo. Sembrano essere estranei a tutto ciò che li circonda. Nel mentre un ragazzo vaga in sella a una bicicletta alla ricerca di cosa non si sa. E’ questo lo short movie di Mati Diop, giovane regista francese, che decide di presentare la collezione KENZO nel modo più vero e autentico che possa esistere:  ritraendo momenti di vita quotidiana di uno spaccato della gioventù. Gli abiti prendono vita e acquistano reale significato solo nel momento in cui vengono indossati dai modelli.

TZZD BY EDUARDO WILLIAMS

Eduardo Williams ci trasporta in una dimensione parallela dove il confine tra realtà e finzione è molto labile. Un elfo che sogna (letteralmente) di vivere in Bolivia, una foresta incantata, un gruppo di Girling dancer che balla senza sosta. Chi è veramente reale? Chi invece è solo finzione? In tutto questo, la collezione di KENZO non fa altro che accentuare il dualismo tra queste creature terrestri sconnesse.

UNTITLED (JUICE)
BY BAPTIST PENETTICOBRA

Il regista Baptist Penetticobra fa del suo fashion film un vero e proprio inno al succo d’arancia. Si, avete capito bene. Quattro minuti di lodi incessanti per la bevanda arancione in chiave rap incredibilmente coinvolgente ma di cui si fa fatica a capirne il senso. E la collezione KENZO? Passa un pò in secondo piano. D’altronde, però,  è proprio su questo che si basa il progetto SEASON 0: presentare la collezione come un qualcosa che fa parte della nostra vita quotidiana.

Tre visioni e tre modi di guardare alla moda differenti, tre interpretazioni diverse di un stessa collezione. Non c’è che dire:  KENZO questa volta ha centrato il segno. E voi siete d’accordo con la scelta comunicativa del brand? Quale dei tre short movie secondo voi rappresenta di più la collezione?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: